Tag

,

Martedì cinque settembre presso lo Spazio della Regione del Veneto dell’Hotel Excelsior durante la 74.Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è previsto l’incontro pubblico degli organizzatori della mostra “Le Trame di Giorgione” che si aprirà il 27 ottobre al 4 marzo 2018 nel Museo Casa Giorgione di Castelfranco Veneto.
“Sarà un’ottima occasione per far conoscere in anteprima alcuni videoclip realizzati dagli studenti delle Scuole superiori sulla mostra “Le Trame di Giorgione” ed il programma che da molto tempo abbiamo messo in cantiere” – ci ha precisato la curatrice.
“Sarà un onore per noi – aggiunge l’architetto Dal Pos – per la sede prestigiosa che la Regione ci mette a disposizione che ci servirà per promuovere il lavoro di tante persone che hanno contribuito e contribuiranno per questa grande mostra sulla storia dell’arte e del tessuto tutta veneta”.
Il 5 settembre rimarrà una data storica perché vede coronarsi – ci dice il presidente dell’AIDA – per il quarto anno consecutivo una presenza fissa di Castelfranco Veneto in seno alla Mostra del Cinema che ha visto un interesse sempre più crescente di giovani, esponenti del mondo culturale, e dei veri e propri “attori e registi per un giorno”. Nelle edizioni precedenti sono stati portati: Il fotoromanzo “Operazione Sarto (Papa Pio X, ndr)” a cura di Tommaso Ferronato (Istituto Comprensivo Statle 2), “La semplice intervista” di Giacomo Mazzariol (Liceo Giorgione), “Dove comincia il giorno” di Luciano Zaccaria (Istituto Maffioli), “La Bellona-Minerva è di Veronese?” a cura di Daniele Pauletto e Angelo Miatello (Liceo Giorgione), “Reportage dalla Biennale di Architettura” a cura di Nazzareno Bolzon (Ipsia Galilei), “L’amor ga raixe fonde” a cura di Giacomo Tonetto, Andrea Rigon, Giorgio Palermo di Atlantis. Per la prima volta si è dato vita al “Droni by Art: il Giornalismo tascabile” che sembrava dovesse decollare come festival del corto ma che si è incagliato lungo i sassi del Muson.
“Gli incontri patrocinati dalla Regione all’Hotel Excelsior dal 30 agosto al 9 settembre – afferma in una nota Cristiano Corazzari, assessore regionale – “dovrebbero far emergere la ricchezza dell’iniziativa e l’intraprendenza degli organizzatori che mirano a compattare attorno al sistema veneto del cinema cultura, impresa e turismo”. Non v’è dubbio che per la mostra dell’arch. Danila Dal Pos il palcoscenico dell’Excelsior sarà una tappa importante per la promozione dell’immagine che si vorrà dare all’articolato progetto creativo.
Due saranno i momenti salienti dell’incontro publico al Lido di Venezia, previsto dalle ore 11,00 alle ore 13,00: proiezione di clip sulla futura mostra, realizzati da videomaker, studenti delle superiori, di cui i migliori riceveranno dei premi in denaro del Rotary Club Castelfranco-Asolo; presentazione del programma dettagliato per il coinvolgimento di studenti “Cicerone” che accompagneranno i turisti nelle varie sedi della Mostra e naturalmente un’anticipazione del catalogo.
Se il cinema è uno strumento trasversale di crescita culturale ed economica per la sua connaturata vocazione a coinvolgere settori diversi, a promuovere luoghi, così “Le Trame di Giorgione” è un innovativo progetto culturale per la Regione Veneto perchè coinvolge ben 215 studenti delle superiori, quali “Millennial” nel loro particolare cammino curriculare dell’Alternanza Scuola Lavoro (Legge sulla Buona Scuola 107/2015). E’ il primo laboratorio composto da istituti superiori diversi, liceali e tecnici professionali, sotto la guida dei loro docenti, di esperti nei vari settori, che mette al centro del progetto un’attività formativa e produttiva con il coinvolgimento di crew di giovani studenti. Una mostra che ha come obiettivo l’intreccio di tante componenti sociali, economiche e politiche.
Si inizia dalla Pala di Giorgione, capolavoro primo del maestro di Castelfranco, che offre il naturale punto di partenza per una sontuosa mostra che troverà negli ambienti del Museo Casa Giorgione il suo fulcro. L’opera è raffigurata da cinque magnifici tessuti che l’artista, secondo le intenzioni del suo committente siculo-cipriota, veicolano un messaggio chiaro diretto al Senato Veneziano. E le trame intese come tessuti, sono quelle indossate dagli uomini e dalle donne in mostra, personalità ritratte dai grandi artisti cinquecenteschi di area veneta.
La mostra si espanderà in diversi siti della Città Murata, destinati ad accogliere l’attualità della grande tradizione di tessoria della Serenissima di cinque secoli fa.
Storia dell’arte e storia del tessuto in una originale storia del costume, ci spiega la curatrice Dal Pos. Società e politica che si intrecciano nel vasto territorio della Serenissima che, all’epoca estendeva il suo dominio tra l’Egeo, il Mediterraneo e la Lombardia orientale. Un lusso che doveva essere esibito come status symbol o come raffinatezza e “potere d’cquisto”, per usare un termine moderno. C’è mondanità, un trionfo dell’apparenza ma anche precisi messaggi politici verso il popolo o chi governa.
Una mostra che rimarrà scolpita nella storia della Marca Gioiosa.

5/09/2017: Presso lo Spazio della Regione del Veneto dell’Hotel Excelsior durante la 74.Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia
incontro pubblico “Le Trame di Giorgione”. Mostra che si aprirà il 27 ottobre fino al 4 marzo 2018 nel Museo Casa Giorgione di Castelfranco Veneto. Curatrice Danila Dal Pos.

Annunci